Edgar Reitz. Uno sguardo fatto di tempo (italienisch)

H342019, pp. 330 Prefazione di: Sergio Arecco

Sono passati trent’anni dalla caduta del Muro di Berlino e non poteva esserci occasione più giusta per pubblicare un libro su Edgar Reitz. Meglio: la monografia più completa, aggiornata e definitiva sul regista di Morbach, che la impreziosisce con un lungo e intenso contributo. Firmatario, nel 1962, del “Manifesto di Oberhausen” che ha dato il via alla nascita del Nuovo Cinema Tedesco, Reitz ne è stato uno dei massimi e più celebri esponenti insieme a Fassbinder, Herzog e Wenders. Noto a livello mondiale per il ciclo di Heimat, ha raccontato e tramandato alle giovani generazioni, in una sorta di sterminato archivio per immagini, le memorie dell’Europa e, soprattutto, della Germania novecentesca – dal processo di rimozione dell’Olocausto alle speranze legate alla caduta del Muro, passando per i fermenti artistici del Sessantotto – attraverso le vicende della famiglia Simon di Schabbach, immaginario villaggio della regione dell’Hunsrück, in cui Reitz è peraltro nato. «Il ricordare è un atto creativo. Noi costruiamo e formiamo la nostra vita o la nostra biografia attraverso una memoria sempre rinnovata. Questo rende ai miei occhi la memoria così degna di essere al centro di una narrazione cinematografica» (Edgar Reitz)

Bietti
ISBN: 9788882484255

© 1994 - 2021 Stefan Gies - Heimat-Fanpage.de Alle Rechte vorbehalten.

Wir nutzen Cookies auf unserer Website. Einige von ihnen sind essenziell für den Betrieb der Seite, während andere uns helfen, diese Website und die Nutzererfahrung zu verbessern (Tracking Cookies). Sie können selbst entscheiden, ob Sie die Cookies zulassen möchten. Bitte beachten Sie, dass bei einer Ablehnung womöglich nicht mehr alle Funktionalitäten der Seite zur Verfügung stehen.